Alla scoperta di Scicli in e-Bike

Richiedi disponibilità

La Sicilia vanta diversi primati nel mondo, a cominciare dalle sue bellissime spiagge e il mare cristallino per il quale è maggiormente conosciuta. Oltre a queste meraviglie l’isola vanta inoltre un notevole numero di siti riconosciuti patrimonio dell’UNESCO che si differenziano tra loro per il valore naturalistico, culturale e architettonico. Uno fra questi è la pittoresca “Val di noto” con la sua impronta barocca che si differenzia da qualsiasi altro stile architettonico. La val di Noto, la quale prendeva il nome dalla città di Noto – probabilmente sede del governatore del vallo ai tempi dei Normanni – si estendeva per tutta l’area sud-orientale siciliana, comprendendo la provincia di Ragusa, di Siracusa e parte delle province di Catania, di Enna e di Caltanissetta. Il vallo però acquisisce una propria identità a seguito del sisma del 1693, quando i maggiori centri urbani subirono gravi danni causandone la distruzione. È in questo periodo infatti che si sprigiona la vena creativa dei più influenti architetti del tempo, i quali hanno provveduto alla successiva ricostruzione adottando soluzioni architettoniche e artistiche, tipiche del tardo barocco, che caratterizzano l’intero Vallo e riconosciuto patrimonio dell’umanità nel 2002.
Effettuando un percorso cicloturistico, partendo dal porto turistico di Marina di Ragusa, si può visitare Scicli, una delle testimonianze architettoniche più grandi di questo movimento. Il percorso di circa 40 km (andata e ritorno) risulta essere facilmente praticabile e accessibile anche a coloro che non siano particolarmente allenati, grazie alla morfologia del territorio in questione e all’utilizzo delle biciclette a pedalata assistita di ultima generazione, le quali consentono di ridurre notevolmente il problema della stanchezza fisica, garantendo un’esperienza unica e inimitabile.
La città di Scicli è un bellissimo centro barocco, considerato patrimonio dell’umanità e come tale annoverato nella lista dell’heritage dell’UNESCO, che racchiude in sé i lasciti storici dei paesi e delle popolazioni che lo hanno colonizzato e ne hanno formato la storia, della quale sono testimoni gli innumerevoli monumenti nonchè le architetture religiose e civili che brulicano in ogni angolo della città.
Il percorso, infatti, è strutturato in modo tale da comprendere i principali siti di interesse storico, tra i quali si annoverano:

Chiesa di S.Teresa

costruzione risalente al XVIII secolo e che risultava precedentemente essere annessa all’ex monastero di S. Teresa fondato nel 1660 dai Carmelitani Scalzi.

Palazzo spadaro

Costruito nel 1700 e appartenuto all’omonima famiglia trasferitasi a Scicli nel XVII secolo. È considerato una delle opere maggiormente apprezzate per ciò che concerne l’espressione dell’arte barocca.

Palazzo del municipio

Costruito tra il 1902 e il 1906 dove anticamente si ergeva il Monastero delle Benedettine, al quale era annessa la Chiesa di San Giovanni Evangelista.

Chiesa di San Giovanni Evangelista

Fondata prima del 1300 quando venne istituita la “Confraternita dei Nobili Bianchi”, famosa a Scicli per le sue opere di carità e di misericordia in favore della popolazione fino al 1860. Quando la chiesa fu ceduta ai monaci di San Benedetto, diventò un monastero e contribuì a promuovere svariate attività religiose ed economiche nella città. La chiesa costituisce ad oggi una delle più potenti espressioni dello stile barocco siciliano.

Palazzo Beneventano

L’incantevole Palazzo Beneventano risulta essere uno dei monumenti barocchi del 700 più significativi e originali della provincia e che maggiormente rappresenta il fascino che contraddistingue questa città.

Piazza Busacca

Progettata verso la fine dell’Ottocento, è una delle piazze maggiori di Scicli, al centro della quale vi è una statua dedicata a Pietro di Lorenzo Busacca, un banchiere e benefattore molto amato dai concittadini al quale fu intitolato anche il vicino palazzo.

Chiesa di San Bartolomo

Inserita in una suggestiva ambientazione medievale, in uno scenario naturale fatto di rocce, grotte e casette di rara bellezza, rappresenta una delle chiese più belle e antiche della città.

 

L’escursione potrà essere effettuata in completa autonomia grazie all’ausilio di un tablet con una guida interattiva geo-referenziata.

È possibile prenotare questo percorso recandosi nell’apposito spazio NetBike dentro il porto turistico di Marina di Ragusa oppure chiamando al +39 375 5646621.

Richiedi disponibilità




Ho letto e accetto al trattamento dei dati personali come indicato nell'informativa sulla privacy